botti di vino
vino botti

Gaglioppo

Il Gaglioppo è un antichissimo vitigno a bacca nera diffuso sulla costa adriatica e ionica della Calabria. E' storicamente famoso soprattutto perché con le sue uve si preparava il vino Krimisa, tipico della città di Cremissa (oggi detta Cirò), nella Magna Grecia. Questo vino veniva offerto agli atleti che ritornavano vincitori dalle Olimpiadi.

Caratteristiche, aromi, note di degustazione

Il nome Gaglioppo deriva proprio dal greco e significa "bellissimo piede", con riferimento alla bellezza dei suoi grappoli maturi. Oggi questo vitigno è diffusissimo soprattutto in tutte le province della Calabria, in particolar modo nel territorio collinare di Cirò. Con le sue uve, concorre alla produzione delle DOC Cirò, Bivongi, Lamezia, Melissa, Pollino, Savuto, San Vito di Luzzi, Sant'Anna di Isola di Capo Rizzuto, Scavigna e Verbicaro. I grappoli prodotti dal Gaglioppo sono di taglia media o grande, compatti, con forma conica e acini con buccia pruinosa, nera con riflessi rossastri. La vendemmia avviene a metà settembre.

Il vino prodotto con le uve Gaglioppo è di colore rosso rubino intenso se giovane; dopo qualche stagione di invecchiamento, invece, tende ad assumere riflessi mattone. Il suo profumo vinoso evolve in note speziate, di liquirizia e di sottobosco. Al palato, è intenso e tannico.

Abbinamenti cibo consigliati

Ottimo con i piatti ricchi a base di carne, spezzatini e selvaggina, si sposa bene anche con il pecorino calabrese.