Nerello Mascalese (e abbinamenti)

Il Nerello Mascalese si può definire il vitigno tipico della zona dell’Etna. Venne probabilmente selezionato centinaia di anni fa dai viticoltori della piana di Mascali, l’area accoccolata tra le pendici dell’Etna e il mare, in provincia di Catania. Oggi è ancora il vino più diffuso in tutto il nord est della regione.
Il Nerello Mascalese rientra in numerose DOC siciliane e calabresi, tra cui le DOC Alcamo, Faro, Marsala e Sambuca di Sicilia, Lamezia e Sant’Anna di Isola di Capo Rizzuto.

Caratteristiche vitigno

L’acino è caratterizzato dalla buccia pruinosa e spessa, di colore blu chiaro e la maturazione, come nel caso di altre varietà etnee, è piuttosto tardiva.

Note di degustazione

Il Nerello Mascalese si può utilizzare per la vinificazione in abbinamento con altre uve bianche o nere ma in purezza dà origine a un vino rosso carico, con un bouquet caratterizzato da note di viola, frutti rossi, mirtilli, lamponi e spezie, tabacco, liquirizia vaniglia. Il suo gusto è pieno, secco e caldo, moderatamente tannico e con un’ottima struttura e persistenza.

Abbinamenti consigliati

Grazie al suo carattere, si sposa bene con la selvaggina, le carni rosse e i formaggi stagionati.