botti di vino
vino botti

Zibibbo

Lo Zibibbo è un prodotto tipico esclusivo dell'isola di Pantelleria. Il vitigno da cui deriva è il Moscato che, secondo fonti storiche, fu importato nell'isola siciliana dagli arabi. Il nome Zibibbo, che significa uva passa, rispecchia la particolarità delle sue bacche fortemente aromatiche e, soprattutto, della loro lavorazione. Per ottenere questo nettare, infatti, le uve vengono raccolte e poi lasciate a lungo ad appassire mediante essiccazione. Apprezzato a livello mondiale e realizzato sia nella versione dolce che secca, lo Zibibbo è un vino pregiato la cui produzione non può essere particolarmente abbondante: come stabilito dal Disciplinare di Produzione in vigore, infatti, può essere ottenuto solo con uve coltivate e lavorate in Sicilia.

Caratteristiche, aromi, note di degustazione

Presentandosi allo sguardo con un colore giallo vibrante di riflessi color oro o dalla tonalità ambrata, lo Zibibbo offre al naso un profumo immediatamente riconoscibile, in cui si mescolano note fruttate, con predominanza di albicocca, e sentori di mandorla e fiori d'arancio.
Al palato, il vino Zibibbo risulta corposo e decisamente dolce. Il gusto è amabile, morbido e persistente: dall'iniziale sapore dolce si passa ad un retrogusto fine ed aromatico che richiama il sapore della frutta secca e del miele.

Abbinamenti Zibibbo cibo

Nella versione dolce o passita, lo Zibibbo è ideale per esaltare il gusto dei dessert e dei gelati. Perfetto per abbinare ogni tipo di dolce, offre abbinamenti d'eccellenza se accostato a cassate e cannoli siciliani, pasticcini e torte in pasta di mandorle, creme e gelati alla nocciola e al pistacchio. Da non sottovalutare anche il mix intrigante che deriva dall'abbinare la dolcezza dello Zibibbo passito con i primi piatti saporiti, con il foie gras e con i formaggi dal gusto forte. La variante secca di questo vino è invece indicata per il momento dell'aperitivo, ma accompagna egregiamente anche antipasti di verdure e piatti a base di crostacei e frutti di mare.